HOME

CATANIA

 Yoga

 Shiatsu

 Attività collaterali

L’uomo crede di volere la libertà.

In realtà ne ha una grande paura. Perché?

Perché la libertà lo obbliga a prendere delle decisioni,

e le decisioni comportano rischi.

                                                                                                                                                                                                                                          E. Fromm

——-

Una tazza di tè

“Nan-in, un maestro giapponese dell’èra Meiji (1868-1912), ricevette la visita di un professore universitario che era andato da lui per interrogarlo sullo Zen.

Nan.in servì il tè. Colmò la tazza del suo ospite, e poi continuo a versare.

Il professore guardò traboccare il tè, poi non riuscì più a contenersi. <<E’ ricolma. Non ce n’entra più!>>.

<<Come questa tazza,>> disse Nan-in <<tu sei ricolmo delle tue opinioni e congetture. Come posso spiegarti lo Zen, se prima non vuoti la tua tazza?>>.”

 101 STORIE ZEN a cura di Nyogen Senzaki e Paul Reps, ADELPHI

——-

“… Figlio in tutto e per tutto della società e dei condizionamenti, vive di ricordi e agisce per abitudine. Ignaro di se stesso e dei propri veri interessi, persegue falsi obbiettivi ed è sempre frustrato. La sua vita e la sua morte sono penose e prive di senso,apparentemente senza via di uscita. Dopo, digli che c’è una scappatoia a portata di mano. Non la convenzione  a un altro ordine di idee, ma la liberazione da ogni idea e modello di comportamento precostituiti. …”

Sri Nisargadatta Maharaj

 ——-

 Dall’intervista a Lisetta Carmi del giornale “la Repubblica” di Domenica 28 Aprile 2013:

…”Capisco che accostarsi all’Oriente possa significare fraintenderne i codici o assimilarne la parte più folcloristica.”… 

Lisetta Carmi

——-

“La pretesa di non poter vivere senza l’altro mostra semplicemente che uno per comodità ( o viltà ) utilizza l’altro per far vivere la propria ombra, senza neppure tentare di elaborare e recuperare la proiezione.” 

pag. 190  Malattia e destino – Ed. Mediterranee

——-

Un uomo bussò alla porta dell’amata. Una voce chiese: “Chi è?” “Sono io”, rispose lui. Allora la voce disse: “Qui non c’è abbastanza posto per me e per te”. E la porta rimase chiusa. Dopo un anno di solitudine e privazioni l’uomo tornò e bussò. Da dentro una voce chiese: “Chi è?” “Sei tu”, disse l’uomo. E la porta gli fu aperta.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                              Rumi

——-

“Non avete la sensazione che state semplicemente recitando? Non avete mai avuto la sensazione che dentro di voi siete qualcosa, e che all’esterno qualcos’altro? La consapevolezza di questa ipocrisia non vi ha mai tormentato in un istante di risveglio? Solo se dentro di voi esistono un desiderio pressante e una forza impellente che vi spingono a conoscere la verità, solo in questo caso quegli slanci esistenziali potranno portarvi dal livello di irrealtà in cui esistete ad un ambiente vitale in cui non vi limiterete solo a recitare un ruolo tragico ma potete essere il vostro vero sé.”

Osho Rajneesh

——-

CANZONI PER I CIARLATANI, CANZONI PER L’ASSOLUTO

Resta con Me

Non  andare a casa.

Resta con me stanotte.

A poco a poco, lentamente ma con fermezza,

il mio respiro ti condurrà

alla follia.

Sarai liberato dalla mente.

Allora d’un tratto impazzirai.

                                                             Rumi

Dovremmo stare insieme.

Non più tu, non più io,

noi due diventiamo uno.

Quando diventeremo uno,

l’occhio che vede doppio

                                               diventerà cieco.                                                        

                               Rumi